Caratteri cambiati: un miracolo non cambia un carattere, un carattere cambiato produce miracoli

Caratteri cambiati: un miracolo non cambia un carattere, un carattere cambiato produce miracoli
$11.30$10.97
Autore:
Serie: La Casa della Bibbia
Genere: Vita Cristiana
Tag: Libri raccomandati
Editore: La Casa della Bibbia
Anno di Pubblicazione: 2020
Formato: 21.59 x 0.61 x 27.94
Lunghezza: 106 pagine
ISBN: 9788884690241

Che cos’è il carattere? Quali componenti fanno parte di un carattere? La parola “carattere” significa “impronta” e deriva dal verbo greco charasso, ovvero “imprimere, scolpire, incidere”. Nell’antichità si riferiva a qualunque segno, come un marchio, un’impronta stampata, un’incisione e simili, mediante il quale si ottiene la distinzione fra una cosa e un’altra. Può anche essere l’insieme di qualità morali ed etiche che distinguono una persona dall’altra. Il dizionario della lingua italiana dà del termine “carattere” questa definizione: a) segno grafico al quale si dà un determinato significato; b) qualità, abito morale particolare, indole, natura morale; c) segno distintivo, modo di essere di una persona o di un popolo; d) elevazione di animo, fermezza, condizione della persona e della sua dignità. Possiamo dunque dedurre che il carattere di una persona è un insieme di sentimenti, emozioni, volontà, mentalità, educazione e cultura. Tutte queste cose si trovano nell’anima, che è una parte dell’essere umano. L’uomo infatti è costituito da un corpo, un’anima e uno spirito. Carattere è un termine che ricorre comunemente nel nostro linguaggio. Espressioni quali “non ha carattere”, “ha un brutto carattere”, “carattere difficile”, “carattere impossibile” ecc. ci sono certamente familiari, così come l’espressione “è il mio carattere” per sottintendere “sono fatto così”. Il nostro carattere plasma le nostre abitudini, le nostre amicizie, le nostre relazioni e influisce sul nostro modo di dare e di ricevere, sui nostri affetti e sui nostri figli. Il nostro carattere ha plasmato il nostro corpo, ha disegnato le nostre rughe, determina il nostro modo di camminare e di sederci, di parlare, di guardare e di vedere noi stessi, gli altri e il mondo che ci circonda. Ma è anche vero che il carattere è quel “qualcosa” che ci permette di riconoscerci nonostante i cambiamenti fisici, relazionali e ambientali che avvengono nella vita di ognuno. Il carattere si forma nell’ambiente in cui si vive, con le credenze e le attitudini che ogni individuo sviluppa per adattarsi o integrarsi nell’ambiente nel quale nasce. È possibile cambiare il proprio carattere? La risposta dell’autore, Antonio Fante, è affermativa! Possiamo quindi divenire consapevoli delle nostre carenze e modificare quei “caratteri”, quegli aspetti negativi che abbiamo adottato nella prima fase della nostra vita e che ora, da adulti, limitano fortemente la nostra capacità di amare, di sentirci vivi, di sopportare realisticamente il dolore e il male che inevitabilmente incontriamo nella nostra vita e in quella degli altri.

Informazioni sul libro